DECORUM – Inventario della decorazione dipinta dell’architettura domestica in Europa
European Project 2012-2014

Le decorazioni dipinte dell’architettura domestica situate nei castelli, nelle dimore borghesi o palazzi signorili rappresentano un patrimonio perlopiù sconosciuto al pubblico, che finora non è stato oggetto di alcun inventario su scala nazionale e, ancor meno su scala europea.

Un corpus di conoscenze, risorse documentarie, storiche e tecniche sarebbe quindi indispensabile per decoratori e restauratori che intervengono su queste opere ma che non hanno né documentazione né regolamentazioni che stabiliscano i rispettivi campi d’azione: tale lacuna rappresenta pertanto un rischio per la loro conservazione. 

Il progetto DECORUM si propone quindi di sviluppare una metodologia per inventariare le decorazioni dipinte domestiche nei paesi partner attraverso un lavoro di scambio svolto nell’ambito di tre workshop scientifici. Verranno realizzati dei protocolli descrittivi e delle schede catalografiche, testate a livello locale, in modo che questa metodologia possa essere successivamente diffusa nei paesi partner e convalidata attraverso azioni sperimentali sul campo.
La creazione di questo inventario, attraverso il confronto con i protocolli già esistenti all’interno delle istituzioni culturali europee, permetterà di sviluppare un database ampio e diversificato.
Il database, accessibile ai professionisti del settore attraverso la realizzazione di un sito internet, offrirà infine la possibilità di confrontare stili e tecniche oltre alla loro diffusione sul territorio europeo.

Promotore: Ecole d’Avignon – Centre de formation à la réhabilitation du Patrimoine architectural 

Enti partecipanti e sostenitori:
Associazione Giovanni Secco Suardo
Ecole d’Avignon
Centre de formation à la réhabilitation du Patrimoine architectural – Les Archives d’Architecture Moderne (Belgio)
The State Higher Vocational School in Nysa (Polonia)
Laboratoire d’Etudes et de Recherches sur les Matériaux (Francia)
European Commission, Directorate General for Education and Culture